Scopriamo insieme la pole dance, l’arte di danzare con un palo

La scorsa settimana ha suscitato scalpore la foto di una Social Media Manager (la persona che si occupa dell’immagine di un’azienda sui social network) ritratta durante una lezione di pole dance. Francesca Borghi , amministratrice delegata e fondatrice di yoursmartagency.it, ha condiviso su Facebook un momento della sua vita che è stato prontamente segnalato da un “amico” come contenuto inappropriato e rimosso dal colosso di Zuckerberg.

Il dilemma se anche i “social media cosi” (cit) possano divertirsi o meno, condividendo i loro momenti di vita sul web come qualunque altro essere umano, è stato già trattato in altra sede e non mi dilungherò oltre su questo aspetto. Voglio spendere due parole, invece, sulla pole dance, poiché sono convinta che la segnalazione sia stata generata dall’ignoranza che regna ancora su questa disciplina.

La pole dance, “danza con il palo”, è una vera e propria disciplina artistica che combina prestazioni atletiche a movimenti di danza da eseguire con il supporto di un palo verticale e che richiede una preparazione fisica di un certo livello. Ha origine negli anni 20, nel nord America, dalle arti circensi: pare che gli acrobati usassero i pali dei tendoni per svolgere vere e proprie performance durante gli spettacoli. La pole dance inizia a diffondersi fuori dai circhi e affermarsi nei night club negli anni ’50, contemporaneamente con il successo del Burlesque. Col tempo, e con fatica, la pole dance è riuscita a slegarsi da questo legame con l’erotismo in senso stretto, tanto che in America e in Australia è riconosciuta come disciplina sportiva già da 30 anni.

In Italia, si sa, siamo sempre all’avanguardia su tutto: in concomitanza con il boom di iscrizioni che hanno ottenuto i cosi di pole dance, nel 2009 nasce la Federazione Italiana Pole Dance e il primo campionato italiano si è svolto nel 2010.

Spesso la pole dance è confusa con la lap dance (ebbene si, anche noi siamo caduti in errore quando abbiamo ricevuto i primi corsi di pole dance sul portale) ma le due discipline hanno ben poco in comune. La lap dance è una danza sensuale composta da movimenti del basso ventre (“lap” in inglese significa “grembo”) eseguiti di fronte a uno spettatore, generalmente di sesso maschile, che non prevede la presenza di pali e non necessariamente è eseguita da una ballerina. Detto in altre parole, chiunque sarebbe in grado di eseguire uno spettacolo di lap dance, ma non tutti sono in grado di eseguire uno spettacolo di pole dance senza un’adeguata preparazione. L’allenamento della pole dance, infatti, coinvolge l’utilizzo di tutti i muscoli del corpo: gambe, braccia, fianchi e addome. Basti pensare che alcune figure prevedono di restare attaccati al palo utilizzando solo un braccio o una gamba per farsi un’idea della forza che ci vuole! Insomma, la pole dance è l’attività giusta per chi vuole scolpire il proprio corpo divertendosi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *